incauta.typepad.com > miscellanea fotografica

Café Schönbrunn, Berlin

Café Schönbrunn, Berlin


100_2444

100_2444


Frida

Frida

I ricchi non hanno buon gusto, pagano gli artisti perchè lo abbiano al posto loro.


Giancarlo01

Giancarlo01


g-attitudine

g-attitudine

titina
la dimostrazione vivente del perché esiste l'accalappiacani e non l'accalappiagatti


miracoli

miracoli


amore

amore

Ti traduco la vita,
attraverso il feng-shui, le ricette

ti rincollo le corde vocali
ti accordo la voce che avevi,
la lingua
che ti è scritta nel corpo

che ti ha lavato via la candeggina, il vento, l’acqua dei piatti

io te la leggo ancora
in quelle lastre che porti in giro
come il tuo portfolio ai galleristi,

e nella polvere in fondo ai cassetti
e in quella rimasta nei guanti

in tutti questi anni di pioggia acida,
che ti ha pulito le ossa come argenteria.

e.biagini


felix

felix

amico, liutaio, costruisce strumenti fatati
guardate i violini CETUS e capirete

http://www.cetvs.com/home_it.html


scarpe mie

scarpe mie

'...E quando ho visto le sue scarpe io ho capito tutto di lei: è un uomo che ha sofferto, che ha solo un paio di scarpe alla volta, che piano piano si consumano, diventano lise, perdono il colore. Quando io ho guardato le sue scarpe ho pensato: ora glielo dico subito...''


estate

estate

Cicale, sorelle, nel sole
con voi mi nascondo
nel folto dei pioppi
e aspetto le stelle...

salvatore quasimodo


ti dicevo

ti dicevo


procida

procida

là dove il mare luccica


Bacio

Bacio


Galliano

Galliano

sono io!!


hot line

hot line

Perchè ci vogliamo
non solo cuorare
ma anche boccare
e pellare e vellare
e bracciare e senare e ventrare
e sessare
e di nuovo manare e piedare

e.fried


Sherazade

Sherazade

Così ogni volta
racconti una

storia ai tuoi
fornelli, perché

risparmino te –
Sherazade,

di notti fotocopie,
osteoporosi,

di costole incrinate
come piatti,

di continuo
inciampare.


Jazz

Jazz


pane e tulipani

pane e tulipani

E' mattina presto.
Come tutti i giorni Fernando accompagna Eliseo a scuola.
Camminano in silenzio. Il bambino, aggrappato alla mano del nonno, avanza in equilibrio su un muretto.
ELISEO: Nonno, cos'è che ti consuma?
FERNANDO: Nulla, Eliseo, nulla.
ELISEO: So che le tue parole mi suoneranno oscure, ma un giorno capirò. Me l'hai detto tante volte.
Fernando guarda il bambino.
FERNANDO: Ciò che mi consuma è la mia stoltezza... Ancora una volta la felicità ha battuto invano alla mia porta.
ELISEO: E tu non hai aperto?
FERNANDO: Sono stato sordo. E ora languo.....


Horvat

Horvat


il maestro

il maestro


anna  guido simonpietro

anna guido simonpietro


Imgp1457

Imgp1457


'nudi ' d'altri tempi

'nudi ' d'altri tempi

per donne anacronistiche e uomini galanti che vogliono regalare cioccolata...


un'altra me

un'altra me


sogno giallo

sogno giallo


Eredità!!!!!

Eredità!!!!!


Carmenbassano

Carmenbassano


caravaggio

caravaggio


Cat

Cat

una foto di Lucio Beltrami
grazie Lucio